I venditori e i turisti d’affari sono le due categorie che popolano il mondo delle vendite.

I venditori lavorano, anche i turisti d’affari lavorano.

I venditori vendono, i turisti d’affari raccolgono le briciole che lasciano i venditori.

La vendita è un’attività scientifica:

I risultati delle vendite sono prevedibili, si possono fare proiezioni e si possono definire fatturati attendibili.

La vendita ha un suo algoritmo che, seppur variabile, a seconda del settore merceologico in cui sei inserito è standard, sempre.

Il marketing dell’azienda crea i contatti supportato dal marketing del venditore. Il venditore alza il sedere e vende. E’ semplice, niente di complicato. Certo, in mezzo c’è la capacità di entusiasmare il cliente, di entrare in empatia con lui, di conoscere il prodotto, tutto vero ma si parte sempre da una cosa e una sola: quanti contatti hai e quanti clienti incontri?

I turisti d’affari sono quei venditori che mandano le offerte tramite una mail piuttosto che scomodarsi di andare a trovare il cliente.

I turisti d’affari sono quei venditori che non si programmano il mese, la settimana, il giorno e non hanno traccia di tutte le attività preparatorie che portano ad una vendita.

I turisti d’affari fanno cose e vedono gente, fanno tanti chilometri ma non hanno un minimo di discernimento su quello che fanno e sul perché lo fanno.

I venditori hanno una certezza: possono determinare il loro risultato, sempre.

Vuoi essere un vero venditore invece che un turista d’affari? Accertati di alcune cose fondamentali:

  • L’azienda per cui lavoro mi piace?
  • Mi piacciono i prodotti o servizi che offre?
  • Se io fossi un cliente li comprerei?
  • C’è un’organizzazione e un supporto mktg che mi permette di avere contatti di clienti e potenziali clienti?
  • C’è un metodo di vendita collaudato ed è previsto del periodo di affiancamento in cui questo metodo mi verrà trasferito?
  • Ci sono storie di successo all’interno dell’azienda che dimostrano che quello che mi viene prospettato si può realizzare?
  • Le provvigioni che mi pagano, in un tempo ragionevole, mi permettono di vivere bene?
  • Ci sono opportunità di crescita all’interno dell’azienda?

Se anche a una sola di queste domande la risposta è negativa, lascia perdere, riprendi a mandare via i curriculum e cercati un’altra azienda.

Ma se le risposte sono positive, per diventare un vero venditore, protagonista dei tuoi risultati, non hai che da fare alcune semplici cose:

  • Studiare bene il metodo della tua azienda e applicarlo
  • Sapere che i risultati arrivano con il tempo e il venditore vende tutti i giorni, sempre
  • Diventare un ambasciatore dell’azienda e dei suoi prodotti o servizi
  • Diventare un fanatico delle statistiche e dei numeri che saranno la tua bussola per il successo
  • Divertirti, perché un venditore, pur nelle difficoltà e negli alti e bassi che abbiamo tutti noi che vendiamo, se non si diverte in quello che fa, non riuscirà ad essere efficiente ed efficace

La vendita è un’attività scientifica i cui risultati dipendono da noi.

Non ci credi? Ecco, probabilmente è questo il motivo per cui le tue vendite non sono all’altezza delle tue aspettative.

Prova a diventare un fanatico dei numeri e delle statistiche e metterai il turbo alle tue vendite. E se non funziona? Certo potrebbe non funzionare ma, se fosse così, comunque danni non ne subiresti. Se invece funzionasse?

Per confrontarti con noi sul tema delle vendite scrivici a info@ibusinesscampus.it saremo lieti di farlo.

Buone vendite a tutti noi.

You may also like

Il mantra del venditore: alzati e fattura!
No budget? No party!
Coaching e soft skill come driver di successo per le aziende