Il budget, chiedi il budget. Spesso noi venditori, e le nostre aziende, siamo timidi, ci comportiamo da “turisti d’affari” quando siamo in vendita. Chi è il turista d’affari? È quel venditore che “fa cose e vede gente” ma non chiede al cliente di acquistare, aspetta che, lui, forse, se è ben disposto, ipoteticamente, si decida. Non funziona così, non deve funzionare così. È una questione di etica del lavoro e di rispetto.

La vendita è un’attività scientifica, è emozionale ed emotiva, certo, ma scientifica.

Cerchiamo di capire sempre quanto il cliente vuole o può investire, perché altrimenti rischiamo di crearci inutili aspettative.

No budget? No party, è meglio saperlo presto piuttosto che investire soldi o settimane in offerte che non si concretizzeranno mai.

Con i clienti dovremmo cercare, sempre, di lavorare in un’ottica win-win: il vantaggio dev’essere di tutti e due, pertanto, una volta capito il budget possiamo formulare la nostra offerta, se ci stiamo nel budget del cliente o declinare. Perché non sempre è obbligatorio vendere, soprattutto se sappiamo già che non saremmo in grado di soddisfare le aspettative del nostro cliente a cui abbiamo venduto a un prezzo troppo basso. Etica degli affari, non è una brutta cosa. Cosa ne pensi?

Se vuoi scrivici a info@ibusinesscampus.it per approfondire questo tema.

0

You may also like

I social media trend secondo il report Hootsuite
L’emergenza come opportunità di riorganizzazione: i workshop a distanza
Aperitivi d’impresa, IBC incontra Isabelle Leggieri di General Electric

Monica Occhini