Che cos’è il fattore Wow?

Letteralmente possiamo definire effetto WOW “l’elemento sorprendente, o fattore sorpresa”. Quando davanti ad un prodotto o servizio la nostra razionalità lascia il posto a emozioni positive e reagisce di cuore e di pancia. La nostra mente, come sappiamo, tende a ricordare i momenti positivi, quelli che hanno lasciato una traccia ed hanno creato stupore e meraviglia.

Da cosa è formato l’effetto WOW?

Secondo il Padre del marketing Philip Kotler aziende e brand devono dar fondo alla creatività per riuscire a migliorare il rapporto con la propria clientela lungo tutto il ciclo di vita di questi ultimi. Sempre secondo Kotler dal punto di vista del cliente l’effetto WOW è dato da tre elementi enjoyment (apprezzamento) experience (esperienza) e engagement (coinvolgimento)

Le aziende e i brand che punteranno sull’eccellenza del loro prodotto riceveranno sempre un semplice apprezzamento da parte del loro cliente; aziende di questo tipo si concentreranno sulla realizzazione di prodotti che rispondono ai bisogni dei loro clienti. Ma le aziende che avranno l’intuizione e la voglia di andare oltre potranno offrire alla propria clientela anche un’esperienza piacevole ed indimenticabile.

Le aziende che riescono a raggiungere un livello più alto rispetto all’apprezzamento riusciranno a coinvolgere i clienti sul piano personale e riusciranno ad ottenere massima fiducia da parte loro.

Il marketing ci può aiutare ad ottenere l’effetto WOW?

Il primo strumento che ci permette di lasciare una buona impressione di noi ai nostri clienti o potenziali clienti è proprio il marketing e il marketer ha l’obiettivo di tirare fuori dal cliente l’esclamazione “wow!” e di farlo il più in fretta possibile.

Per noi piccoli e medi imprenditori che spesso pensiamo che il marketing sia un po’ astrofisica, è molto più facile ottenere un effetto wow utilizzando tecniche di marketing moderne che ci consentono un contatto diretto col cliente poiché oggi ancora pochi lo fanno.

Per applicare queste tecniche è fondamentale poter contattare il cliente e quindi, prima di tutto dobbiamo chiedere il suo numero e/o la sua email non appena entra in contatto con noi, in modo da poter comunicare direttamente con lui. Se fatto in modo sistematico si può costruire una “lista clienti” alla quale inviare comunicazioni personalizzate. Molto probabilmente il cliente non se lo aspetta e sicuramente rimarrà impressionato positivamente; se si darà fatto una buona impressione di noi si dimenticherà dei nostri concorrenti e quando dovrà acquistare i prodotti o i servizi che gli possiamo offrire difficilmente ci “tradirà”.

In conclusione, più i nostri prodotti o servizi sono in grado di trasmettere emozione e più facilmente saranno non solo ricordati, ma anche consigliati ad altri possibili clienti.

Ogni attività dovrebbe non lasciare al caso questi attimi, ma pianificare e creare di proposito i momenti Wow per affascinare il proprio cliente.

0

You may also like

I social media trend secondo il report Hootsuite
Aperitivi d’impresa: incontro con Silvia Noé sulle difficoltà e le opportunità di fare impresa in Sicilia
Il mantra del venditore: alzati e fattura!

Silvia Brandolin