Oggi vi parlo di due animali che popolano le praterie e le foreste del business: Il gatto di marmo e il leone da tastiera.
Il gatto di marmo vive in un habitat molto particolare, quello della palude dell’immobilismo. E’ un animale docile, che ha un bellissimo portamento, pelo folto e occhi piccoli, un po’ infossati, i padiglioni auricolari non sono sviluppati per cui possiamo dire che non ci vede e non ci sente bene.

Ha grandi idee e sviluppa piani di continuo che non realizza mai. Il gatto di marmo non è molto agile e quando parte per mettersi in azione oramai è troppo tardi, il suo habitat è cambiato e le condizioni sono diverse da come le aveva previste. Il gatto di marmo ha una peculiarità: è sempre uguale a se stesso ed è così statico da non accorgersi di essere già morto, marmorizzato.

Il secondo esemplare che voglio descrivervi è il famosissimo leone da tastiera, un grande animale dall’aspetto imponente e terrificante nei modi, nei metodi e nell’efficacia. Il leone da tastiera è veramente l’animale che tutti vorremmo avere a fianco: tempestivo, ambizioso, magnanimo, competente, ne sa una più del tavolo e, da dietro la tastiera dispensa consigli giustissimi, incensa, punisce, critica e lusinga. Il leone da tastiera è un mito… fino a che sta dietro la tastiera. Il leone da tastiera subisce una mutazione genetica non appena lo tiri fuori da dietro la tastiera e lo metti sul campo, di cui sempre parla, per cui ha sempre una sentenza e un’idea intelligente.

Il leone da tastiera una volta esposto a un ambiente diverso dal suo habitat naturale, la tastiera appunto, implode, diventa piccolo e cerca di mimetizzarsi con grande affanno e rumore dietro il primo filo d’erba che incontra nella prateria della vera vita e del vero mercato. Non trovando fili d’erba escogita un comportamento geniale: si finge morto, cadendo in uno stato catatonico estremo durante il quale i nemici, passandogli accanto lo ignorano, pensando appunto che sia morto.  Nella maggior parte dei casi, il leone da tastiera, una volta esposto alle intemperie e ai normali accadimenti della vita muore davvero, senza lasciare traccia, sparendo velocemente alla vista e alla memoria di chi tutti i giorni lotta nella savana per sopravvivere.

Il gatto di marmo e il leone da tastiera sono complementari e a volte si accoppiano carnalmente dando vita all’esemplare più maestoso dell’universo: Il quaqquaraquà tartufato, ma questa è un’altra storia che vi racconterò con un altro post.

Amen, fine della storia.

Oggi va così, dopo un po’ di bicchieri e di buon cibo le storie non mi vengono benissimo, o si?

Il mantra di questo post è: alza il culo e datti una mossa che il budget corre  e leoni da tastiera e gatti di marmo ce li magnamo a colazione.

0

You may also like

L’emergenza come opportunità di riorganizzazione: i workshop a distanza
Aperitivi d’impresa: incontro con Silvia Noé sulle difficoltà e le opportunità di fare impresa in Sicilia
Il coaching per il miglioramento delle performance aziendali

Lascia un commento